Nuovi Fermenti - Teatro

Benedetto Cacchioni

La morte mi ha salvato la vita

copertina di Giovanni Pierattini

anno 2009, pp. 92, € 14,00 - Genere: Teatro
Collana: Nuovi Fermenti/Teatro
ISBN 978-88-89934-65-4

Vincitore del Premio teatrale "Angelo Musco" 2008, sezione Teatro inedito


“Benedetto Cacchioni gioca la sua carta vincente utilizzando un canovaccio ricco di variegate possibilità che rendono fresca e friabile l’opera sin dalla prima scena che si avvale di un prestigioso gioco di equivoci ben dosati. I Personaggi sono anch’essi ben delineati, figure di un oggi che evidenzia virtù e vizi del nostro tempo. L’autore ci fa soffermare su un tema abbastanza serio quale è la morte che tuttavia viene trattato in modo accattivante al punto da farci sorridere e ridere. Le battute sono cesellate con naturalezza e versatilità, il gioco di parole è ben dosato e sa colpire al momento giusto.” (dalla motivazione per il conferimento del Premio "Angelo Musco 2008")

Velio Carratoni

Un mondo di carne

Illustrazioni di Bruno Caruso

anno 1981, pp. 36, € 5,00

Gianluigi Cristiano

La musa è infelice

Prefazione di Donato Di Stasi

anno 2006, pp. 70, € 10,00 -
ISBN-88-89934-04-2

Leggi la prefazione di Donato Di Stasi

Pippo Di Marca

Lo specchio e l'anima

pubblicato sulla rivista Fermenti, 1980 n. 1/12

Saverio Fiducia

Bartulu, commedia storica siciliana

anno 1978, pp. 102, € 10,33. Esaurito

Noemi Israel

Mezza Castità

prefazione di Donato Di Stasi

anno 2007, pp. 64, € 10,00 - Genere: TEATRO
ISBN 978-88-89934-26-5

Terzo posto nella sezione teatro al Premio internazionale "Mecenate" 2008

Leggi la prefazione di Donato Di Stasi [in formato PDF - 140 Kb]

Noemi Israel

Tertium non datur

prefazione di Marco Palladini. Copertina di Paolo Marani

anno 2009, pp. 84, € 10,00 - Genere: Teatro
Collana: Nuovi Fermenti/Teatro
ISBN 978-88-89934-68-5

Terzo posto nella sezione teatro al Premio internazionale "Mecenate" 2009

Leggi la nota di lettura su Literary.it

Leggi la recensione su Literary.it

Foto della presentazione 19/01/2009


“Nel testo della Israel pulsa, in definitiva, una sostenibile leggerezza dell’essere e la sua temperatura di gradevole commedia di costume si conserva brillante anche nel coup terminale, che inscena un piccolo rovesciamento meta-teatrale. È un finale a sorpresa che è a mezzo tra la burlevole presa per i fondelli e la verfremdung, lo ‘straniamento’ brechtiano, e mi sembra come l’ultima zampata dell’Autore che non rinuncia, anche in limine, a firmare la virtuale regia della sua opera. Diceva lo scrittore e critico viennese Alfred Polgar: “A teatro proprio ciò che è naturale produce talvolta effetti innaturali, ed essere semplici è tutt’altro che semplice”. Questa commedia, né innaturale né complicata o semplicistica, mi pare che abbia bravamente tenuto conto dell’avvertenza.” (dalla prefazione)

Noemi Israel

La scrittura

copertina e tavole di Paolo Marani, prefazione di Gualtiero De Santi

anno 2009, pp. 68, € 13,00 - Genere: Teatro
Collana: Nuovi Fermenti/teatro
ISBN 978-88-89934-80-7

Primo premio nella sezione teatro al Premio Internazionale "Labirinto" 2009

Premio della critica 2011 del premio internazionale artistico-creativo "In chiave di Sol"

Leggi la prefazione di Gualtiero De Santi

Foto della presentazione 12/02/2010

Video presentazione 12/02/2010 da Youtube - 1

Video presentazione 12/02/2010 da Youtube - 2

Video presentazione 12/02/2010 da Youtube - 3

Leggi l'articolo da "Il Piccolo" del 16/02/2010

Leggi l'articolo da "Il Piccolo" del 21/06/2011 sul Premio della critica 2011 "In chiave di Sol"


“Cosa ci rimane oggi, dopo tanti crolli, annunciati, millantati ed esaltati? Forse, per dare una risposta che sarebbe potuta piacere alla Weil, restano le tensioni che cancellano i legami e gli ordini tradizionali, e le parole che non nominano, oppure che nominano e indicano indirettamente. Se la menzogna si contrappone al bene, dovrebbe essere la verità a risarcirlo. Ma di fronte a una verità conculcata dal potere, il riflesso condizionato va a ricercare la strada della differenza. Al teatro epico e sociale, oggi non più praticabile perlomeno nei termini noti, si è venuto sostituendo un teatro di analogie e di levità (all’apparenza un po’ boulevardier), che, consapevole dell’avvenuto abbassamento della parola, punta su una tecnica diversa d’attenzione.
L’attenzione verso che cosa? ”

Claudio Pezzin

Scene teatrali

Prefazione di Riccardo Reim

anno 2002, pp. 80, € 8,00
ISBN 88-87959-27-7. (Pubblicato nella collana "Iride")

Claudio Pezzin

Tre atti unici

Prefazione di Mario Verdone, copertina di Franco Verdi

anno 2000, pp. 45, € 8,00

Claudio Pezzin

L'animale

Copertina di Emanuele Pandolfini

anno 1988, pp. 64, € 5,00

Gino Raya

Duchessa al cotechino

pubblicato sulla rivista Fermenti 227, 2005 n. 1